Impianto idroelettrico Stalvedro

L’impianto dello Stalvedro è il secondo anello della catena della Leventina. È alimentato dalle acque raccolte nel bacino di compenso di Airolo e da quelle captate dalla presa della Val Canaria. AET ha realizzato l’impianto tra il 1966 e il 1968, al fine di aumentare la produzione elettrica sul fiume Ticino sfruttando le acque provenienti dal Gottardo e dalla Valle Bedretto.

Scarica la brochure

L'impianto

L’acqua del bacino di Airolo e quella raccolta dalla presa Canaria sono convogliate in una galleria d’adduzione lunga 5.6 km, che raggiunge Piotta seguendo la sponda sinistra della valle. Alla fine della galleria si trova una camera a valvole da cui parte un pozzo blindato completamente interrato, che raggiunge la centrale, dopo un salto di 132.5 m.

Impianto idroelettrico Stalvedro
2 turbine installate (Francis)
13 MW di potenza totale
61 GWh di produzione media annua
1968 anno di entrata in esercizio
15250 economie domestiche soddisfatte

Il bacino

L’impianto dello Stalvedro sfrutta un bacino imbrifero di 122 km2 che include le acque del Gottardo, quelle provenienti dalla Valle Bedretto e quelle della Val Canaria, con un invaso utile di 370'000 m3.

La centrale

La centrale è equipaggiata con due generatori da 6.5 MW l’uno, mossi da turbine di tipo Francis montate ad asse orizzontale.

La catena della Leventina

La catena della Leventina

Scopri gli altri impianti

Parco Eolico del San Gottardo Impianto idroelettrico Lucendro Impianto idroelettrico Tremorgio Impianto idroelettrico Piottino Impianto idroelettrico Nuova Biaschina Impianto idroelettrico Ponte Brolla